promo copia 2

Saluti ai parenti

Il blog dice lunedì 6 febbraio soltanto perché sto scrivendo a mezzanotte e mezza ma in realtà per me è ancora domenica. Allora, come è andata la vostra giornata di festa ? Io odio questo giorno, o per lo meno odio passarlo senza Orietta. Credo che la domenica sia il giorno in cui si senta maggiormente la solitudine se non si ha accanto la persona che si ama. Tutti vanno a spasso con la “morosa” come direbbe Albi. Si va a fare le gite fuori porta con le coppiette amiche, oppure si va a pranzo dei genitori di lei .... insomma. Dopo la settimana di lavoro la domenica dovrebbe essere con il proprio amore. Io sono stato ad Arezzo a salutare la mì nonna :-) Naturalmente ne ho approfittato anche per salutare lo “zio Mario” e altri parenti. E’ veramente strano e pazzesco quello che mi sta accadendo. Sto salutando tutti e quando mi chiedono “quando ci rivediamo?” io non so proprio cosa dire. Ammetto che alcune volte prende l’angoscia anche a me. Se penso che tra poco mi dovrò allontanare dalla mia famiglia per molto tempo sento tutto insieme il lato negativo della faccenda. Già, non pensate che sia tutto facile. La maggior parte delle persone con cui parlo ogni giorno sogna di fare quello che sto per fare io ma vi assicuro che il pensiero di andare così lontano dai propri familiari alle volte stringe forte forte il cuore. La nonna comunque è molto più serena di mia mamma. Sarà che ha preso così tanto in simpatia Orietta che quando c’è lei di mezzo sorride sempre. E tutto per merito di quel “nonna” pronunciato da mia moglie quando si sono viste. Incredibile. Sono passato anche da mia zia Marisa, sorella di mia mamma, persona molto cara che riesce sempre a farmi sentire il suo affetto. Ogni volta che un parente oggi mi sorrideva entusiasta e mi salutava mia mamma si scuriva in volto .... e sembrava soffrire... madonna quanto soffre.... ed io me ne rendo conto. Lunedì vuole venire fino a Fiumicino ad accompagnarmi.... io non credo glielo permetterò. Ormai so cosa vuol dire accompagnare qualcuno in quel cazzo di aeroporto e tornare indietro da soli ... so cosa vuol dire ripercorrere la strada al contrario in auto senza sentire più quella cara voce che fino a pochi minuti prima era li con te. Il silenzio ti squarcia dentro ... fa male ... forte. La saluterò a Firenze, dove mi accompagnerà alla stazione. Questa è l’ultima settimana e cercherò di godermela con loro.
Prima di andare a nanna un piccolo saluto agli amici di Firenze che ieri sera mi hanno regalato l’ennesima serata piacevole. Pizza in via Baracca e chiacchiere infamatorie sui manifestoni di quel cretino testa di cazzo di Berlusconi. Che bello passare le serate a parlare con persone che la pensano come te. Mi domando: ma anche nelle vostre città ci sono quei manifesti giganti illuminati di Forza Italia o li hanno messi solo a Firenze per prenderci tutti per il culo ? Ma i soldi, mi domando, chi glieli ha dati ? Fanculo va. Mi chiedo chi riesce a dargli il voto a quel nano mafioso.
Non è che Apple mi censura per questo ? Sai com’è... Cupertino è in California ... laggiù c’è Swarzy ... fascistone saranno sicuramente amici lui e il nano :-)
Basta va... vediamo se ci controllano in rete ... parlano tanto del grande fratello ... quello vero intendo. Proviamo: Berlusconi Coglione !!!
Sta a vedere .... se domani il vostro browser vi dice SERVER NON TROVATO allora sapete cosa è accaduto.
Ultima cosa: vedo che è arrivato il primo messaggino rosicone nel guestbook (OroNero, almeno firmati dai visto che mi conosci così bene). Il bello è che questo è soltanto l’inizio. Man mano che molti si sentiranno toccati vedrete si faranno vivi. Un bacio lo mando anche a Sara di Pesaro alla quale dico quello che ripeto a chiunque mi stia vicino: essere amici di qualcuno significa avere rispetto delle persone che lui ama. Io e te non abbiamo mai parlato veramente a fondo ma il tuo messaggio nel guestbook stasera mi fa riflettere, mi ha dato la sensazione che tu ti senta in qualche modo tirata in ballo anche se non era mia intenzione. Forse perchè ho parlato male di Pesaro. Beh, mi spiace ma per me è solo un brutto ricordo. Ero tornato convinto che fosse la mia destinazione finale ma da quando ho aperto la mia attività sono rimasto sempre più da solo. Enrico era solo uno stronzo. Ho continuato a sentire cattiverie a tutto spiano sul mio conto che si sono moltiplicate all’ennesima potenza da quando ho deciso di sposarmi. Bleahhhh ... che schifo. Classico da cittadella provinciale. Ho saputo di persone che hanno cercato di parlare con la mia ex ragazza per capire se esisteva la possibilità di farci tornare insieme... capito ? Avevo le mie badanti, pazzesco. Persone che lavoravano dietro le mie spalle per farmi allontanare dalla tentazione australiana, il “diavoletto del deserto”. E chissà quante altre cose avranno combinato che ancora devo conoscere. 
Comunque se tu sei convinta di non aver mai fatto qualcosa che potesse in qualche modo ferire me o Orietta non credo ti debba sentire offesa.
Notte notte.
Rate this blog entry:
L'amicizia "vera"
Grazie ad un amico sincero
 

Leave your comments

Post comment as a guest

0
Your comments are subject to administrator's moderation.
  • No comments found